Questo blog ha cambiato indirizzo

Il blog Discover Armenia – Scopri l’Armenia con Nadia Pasqual è stato trasferito sul dominio www.discover-armenia.it.

Per leggere gli articoli e gli aggiornamenti del blog, visita www.discover-armenia.it.

Ti aspetto sul nuovo sito!

Nadia Pasqual

Annunci

Armenia: memoria e identità di un popolo

Treviso_locandina_22GEN2016

Venerdì 22 gennaio sarò a Treviso per partecipare all’incontro pubblico “Armenia. Memoria e identità di un popolo” insieme a Baykar Sivasliyan, dirigente politico della diaspora armena e docente di lingua armena all’Università degli Studi di Milano, con il quale parleremo degli elementi  storici, culturali e religiosi che hanno contribuito a formare l’identità del popolo armeno.

Continua a leggere

Due stelle armene nel cielo di Venezia

Affinità-con-i-cieli-notturni-Venezia

Presentazione del libro “Affinità con i cieli notturni” nella Sala degli specchi di Palazzo Ca’ Zenobio, Venezia

Sono due le stelle che hanno illuminato Venezia  domenica 18 ottobre, dove si è svolta la presentazione in anteprima nazionale del romanzo “Affinità con i cieli notturni” (Nuova Dimensione, in libreria dal 29 ottobre). L’evento ha avuto luogo nell’elegante Sala degli specchi di Palazzo Ca’ Zenobio, ex Collegio Armeno Moorat Raphael, di proprietà della Congregazione Mechitarista dell’Isola di San Lazzaro degli Armeni. E non è un caso. Continua a leggere

Spirito d’Armenia a Udine

armenia graziella vigo

Verrà inaugurata sabato 17 ottobre a Udine la mostra fotografica “Spirito d’Armenia” ospitata a Palazzo Torriani, sede di Confindustria. Saranno esposte le immagini della fotografa Graziella Vigo, autrice di tre volumi dedicati alla civiltà armena: “Armenia“, “I tesori di San Lazzaro degli armeni” e “Karabakh il giardino segreto“. La mostra racconta la storia e la cultura dell’Armenia attraverso suggestive immagini di monasteri, paesaggi e tradizioni ancestrali. Continua a leggere

Armenia Amica: l’Armenia a Treviso

Armenia Amica a Treviso

Treviso, Piazza dei Signori e Palazzo dei Trecento

Vi segnalo la manifestazione Armenia Amica che si svolgerà a Treviso dal 16 al 25 ottobre: un’occasione da non perdere per conoscere meglio la storia e la cultura del popolo armeno nell’anno del Centenario del Genocidio. L’evento è nato dalla collaborazione tra DivinaFollia Editrice, la Fondazione Feder Piazza onlus e l’Associazione Italia Armenia con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Treviso.

Armenia Amica comincia venerdì 16 ottobre alle ore 18.00 con l’inaugurazione della mostra fotografica “Armin Teophil Wegner e gli armeni in Anatolia, 1915. Immagini e testimonianze” nello storico Palazzo dei Trecento nella centralissima Piazza dei Signori a Treviso. Continua a leggere

Armenia: civiltà di frontiera

Armenia-civiltà-di-frontiera

Armenia: una civiltà di frontiera è il ciclo di conferenze organizzate dall’Università Ca’ Foscari di Venezia – Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea e Associazione per lo Studio in Italia dell’Asia Centrale e del Caucaso ASIAC per conoscere la civiltà armena che si svolgeranno a Venezia ogni martedì alle 17.30 dal 6 ottobre al 3 novembre 2015. Il programma comprende incontri con studiosi, armenisti e scrittori del calibro di Antonia Arslan e Aldo Ferrari. Ecco il programma: Continua a leggere

Slow Food Ararat: un presidio per salvare il Motal

Armenia, pastore sul monte Khustup, regione di Syunik. Foto di Nadia Pasqual.

Armenia, pastore sul monte Khustup, regione di Syunik. Foto di Nadia Pasqual.

I pastori armeni producono il formaggio Motal fin dall’antichità con una tecnica tanto semplice quanto sapiente. Munte le capre, il loro latte viene lavorato finché è ancora tiepido, senza riscaldarlo. La pasta del Motal viene aromatizzata con erbe di montagna e quindi inserita in contenitori di terracotta rivestiti internamente di panna acida. I contenitori vengono capovolti e appoggiati sulla cenere, dove il formaggio deve maturare per almeno quaranta giorni. A quel punto, la terracotta viene sigillata con cera d’api e il Motal si può conservare fino a sei mesi. La particolare tecnica di conservazione è ciò che rende unico questo formaggio, che ha il sapore dei pascoli di montagna e delle erbe aromatiche che crescono selvatiche sugli altipiani armeni. Sapori e tradizioni che rischiano di scomparire. Continua a leggere