La comunità armena di Milano

Chiesa Apostolica Armena Milano

Chiesa Apostolica Armena di Milano

La conferenza di Ortensia Giovannini, “La comunità armena di Milano: pratiche musicali e identitarie“, che si svolgerà martedì 18 novembre alle ore 18.00 a Venezia, Palazzo Vendramin, Sala A, Dorsoduro 3462, darà modo di conoscere una delle più vivaci comunità armene presenti in Italia.

Continua a leggere

Il Ravenna Festival ricorda il Genocidio degli armeni

La XXV edizione del Ravenna Festival1914, l’anno che ha cambiato il mondo” che si svolge dal 5 giugno all’11 luglio 2014 in varie location della storica città romagnola, è dedicato al centenario della Grande Guerra. Fu nel corso della Prima Guerra Mondiale che ebbe luogo il Genocidio degli armeni – iniziato il 24 aprile 1915 a Costantinopoli, l’allora capitale dell’Impero Ottomano. Per questo motivo, il programma del festival ospita il recital “Figli del Monte Ararat” dedicato alla memoria delle vittime del genocidio armeno, che si svolgerà sabato 28 giugno alle 21.00 presso il Teatro Alighieri. Continua a leggere

Imparare l’armeno a Venezia

Manoscritto armenoIl tradizionale corso estivo intensivo di lingua e cultura armena offerto dall’Università di Venezia – Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea – con la collaborazione dell’Associazione “Padus-Araxes” e dell’ESU (Ente per il Diritto alo Studio) di Venezia, si svolgerà quest’anno dall’1 al 20 agosto; gli esami avranno luogo il 21 agosto (arrivi 30 e 31 luglio; partenze 22 e 23 agosto). Il corso è suddiviso in quattro livelli, dai principianti assoluti ai progrediti. Le lezioni si svolgono al mattino, dal lunedì al venerdì, per cinque ore. La frequenza è obbligatoria. Affiancano il corso varie iniziative culturali. Saranno anche offerti, con accesso libero, corsi di duduk, lo strumento della tradizione musicale armena simile all’oboe, e danza armena.

Continua a leggere

Armenia – The Capital of Desires

L’Armenia partecipa alla Biennale Architettura di Venezia con il progetto The Capital of Desires esposto nella sede del Collegio Armeno Moorat Raphael presso Palazzo Ca’ Zenobio, Dorsoduro 2596 (a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria dei Carmini e da Campo Santa Margherita) dal 7 giugno al 31 ottobre 2014. L’esposizione presenta la storia armena del XIX e XX secolo attraverso diversi materiali e progetti sviluppati da differenti generazioni di architetti armeni.
armenia_capitalofdesires2

Continua a leggere

Il Festival delle Nazioni sceglie l’Armenia

Aram Khachaturian

Aram Khachaturian

Il Festival delle Nazioni ha scelto di omaggiare la tradizione musicale dell’Armenia per la sua 47° edizione, che avrà luogo a Città di Castello dal 27 agosto al 6 settembre 2014. Di Aram Khačaturjan, il più conosciuto compositore armeno sarà eseguito il famoso concerto per violino e orchestra, in occasione del concerto inaugurale che vedrà ospite la compagine Sinfonica più prestigiosa, l’Armenian Philharmonic Orchestra diretta dal suo direttore musicale Eduard Topchjan con Anush Nikoghosyan al violino. Questa Orchestra fu fondata nel 1932 ed è oggi Continua a leggere

Mostra fotografica a Padova

Image

Sarà inaugurata a Padova venerdì 30 maggio alle ore 18.00 la mostra fotografica “Loss of Relevance” di Norayr Kasper, che rimarrà aperta presso le Scuderie di Palazzo Moroni in via VIII Febbraio fino al 22 giugno 2014 con orario 9.00 – 13.00 e 15.00 -18.00, lunedì chiuso – Ingresso libero.

Ispirata ai resti dell’eredità industriale dell’Armenia post sovietica, Loss of Relevance, dell’artista canadese di origine armena Norayr Kasper cerca di rappresentare la perdita di importanza delle macchine e dell’uomo, sullo sfondo di un’industria ormai in sfacelo, mero fantasma di un’epoca interrotta da bruschi e travolgenti eventi geopolitici.

Continua a leggere

Armeni d’Italia

presenza_armena_in_italia_sitoIn occasione della ricorrenza dei 99 anni del genocidio armeno, oggi 24 aprile 2014, segnaliamo l’articolo “Armeni d’Italia” pubblicato sul quotidiano L’Avvenire del 23 aprile, che ricorda l’uscita nel giorno del triste anniversario del libro “Presenza armena in Italia. 1915-2000” di Agop Manoukian con una presentazione di Baykar Sivazlyan (Guerini e associati). Il libro racconta il frammento italiano della grande diaspora armena: dopo il 1915 si assiste infatti all’avvio di una vera e propria presenza organizzata degli armeni nell’Italia moderna. L’autore è nato a Como nel 1938 da madre italiana e da padre armeno, quest’ultimo scampato da bambino con la famiglia ai massacri di Adana, in Cilicia, e arrivato in Italia nel 1925. Nell’articolo si anticipano alcuni passi dell’ultimo capitolo del libro.

Antonia Arslan e Massimo Carlotto in scena a Padova

GIOVEDI’ 22 MAGGIO ore 21.15
SALA DEI GIGANTI PALAZZO LIVIANO piazza Capitaniato, 2 – Padova

ANTONIA ARSLAN, MASSIMO CARLOTTO

KALELOV (CAMMINANDO)

PRIMA ASSOLUTA! 

di e con 
Antonia Arslan – voce narrante
Massimo Carlotto – voce narrante
Maurizio Camardi – sassofoni, duduk, flauti
Mauro Palmas – liuto cantabile
Maurizio Redegoso Kharitian – viola
Alessandro Foresti – organo portativo 
Continua a leggere

L’Armenia raccontata a Firenze

Image

Domenica 13 aprile 2014, alle ore 17.00, a Firenze, presso la Libreria delle Donne in via Fiesolana, 2B, avrà luogo l’incontro “C’era e non c’era una volta. L’Armenia raccontata”. In occasione della giornata del ricordo del genocidio del popolo armeno (24 aprile), la conferenza di Fimi Arakelian e Stefania Berutti presenterà un’introduzione alla storia e alla millenaria cultura dell’Armenia, con la proiezione di materiale iconografico. Introduce e coordina Milly Mazzei. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria: tel. 055 5001495, email: info@ttctoscana.com

Intervista a Charles Aznavour

Image

Charles Aznavour

La nota giornalista Milena Gabanelli ha intervistato Charles Aznavour, il celebre cantante francese di origine armena, in occasione dei suoi novant’anni. Nell’intervista pubblicata dal Corriere della Sera, la Gabanelli ricorda la sua esperienza nell’Armenia di vent’anni fa, uno dei periodi più difficili per la repubblica. All’inizio degli anni Novanta, la repubblica, che si stava affrancando dall’Unione Sovietica si trovò subito ad affrontare pesanti problemi economici, con il sistema produttivo praticamente bloccato, ridotte forniture di energia elettrica, scarsità di cibo, ridotta disponibilità di carburanti. A tutto questo si sommò l’avvio della guerra con l’Azerbaigian per difendere la regione indipendentista a maggioranza armena del Nagorno Karabakh. Continua a leggere