Le viti di Noè a Treviso

Viti nella Valle dell'Ararat - Foto di Nadia Pasqual

Viti nella Valle dell’Ararat – Foto di Nadia Pasqual

E’ cominciata la vendemmi delle 900 viti di vino Arenì proveniente dall’Armenia che erano state piantumate nel 2012 a Tezze di Piave nell’ambito del progetto “Treviso per l’Armenia”. “Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale che ha consentito grandi scambi di conoscenze tra Treviso e l’Armenia, una delle culle della civilià cristiana – ha detto il presidente della Provincia Leonardo Muraro – Rappresenta però anche l’occasione per instaurare importanti scambi commerciali per i nostri imprenditori, rivolti all’Armenia ma anche alla Russia. Un progetto per il nostro territorio che mette in campo anche le migliori tecnologie”.

Continua a leggere

Armenia: la patria della vite

Guida "Armenia e Nagorno Karabakh" di Nadia Pasqual

Secondo gli esperti la coltivazione della vite da vino (vitis vinifera) avrebbe avuto origine nella regione storicamente abitata dagli armeni, nel Caucaso meridionale, e la leggenda vuole che i primi vigneti siano stati piantati addirittura da Noè nella pianura ai piedi dell’Ararat.

In Armenia si coltivano quasi 200 vitigni diversi e alcuni di questi sono utilizzati per produrre vini, la cui qualità è migliorata sensibilmente negli ultimi decenni, grazie anche alla cooperazione con viticoltori ed enologi europei e anche italiani. Il vino rosso più conosciuto è l’Areni Continua a leggere

L’Armenia al Vinitaly a Verona dal 25 al 28 marzo

VERONA. Con circa 4.300 espositori, circa 300 in più rispetto all’anno scorso, e uno spazio tutto nuovo dedicato al biologico e al biodinamico, Vinitaly si preapara ad accogliere buyer e operatori specializzati da tutto il mondo per la 46* edizione. Il più importante e visitato Salone internazionale per il business dei vini e dei distillati, che si terrà da domenica 25 a mercoledì 28 marzo, alla Fiera di Verona, quest’anno vedrà la partecipazione anche dell’Armenia.

Leggi la notizia completa sul Il Mattino di Padova, 08/03/12