Da Aleppo a Yerevan: gli armeni di Siria

Chiesa di Deir el Zor, Siria

La chiesa distrutta di Deir el Zor, Siria

L’esodo degli armeni di Siria, a causa della guerra in corso, è la storia di una tragedia nella tragedia: la racconta Simone Zoppellaro nell’articolo “Da Aleppo a Yerevan: il dramma degli armeni di Siria” pubblicato oggi sulla testata online Osservatorio Balcani e Caucaso. Dall’inizio della guerra, decine di migliaia di armeni hanno abbandonato la Siria, trovando rifugio in diversi paesi. Si stima che, degli oltre 100.000 armeni presenti in Siria prima dell’inizio del conflitto, solo 30.000 si trovino ancora sul territorio. Continua a leggere

Annunci

Armenia in bicicletta

Armenia in bicicletta Da Re

Con l’Armenia nel cuore – Fernando Da Re

La bicicletta in Armenia non è molto diffusa, ma questo non ha fermato Fernando Da Re ed Enzo Pellegrini, due cicloviaggiatori che l’anno scorso hanno raggiunto Yerevan in bicicletta partendo da Tbilisi, capitale della Georgia, per poi proseguire verso il sud del Paese. Un totale di 600 chilometri percorsi in 15 giorni che Da Re racconta nel suo libro “Con l’Armenia nel cuore” (Oragiovane Edizioni) e nel sito www.conlarmenianelcuore.it. Continua a leggere

Armenia, tre resurrezioni e un Lenin decapitato

Segnaliamo l’articolo “Armenia, tre resurrezioni e un Lenin decapitato” di Gian Antonio Stella, che ha recentemente visitato l’Armenia, pubblicato sul Corriere della Sera del 26 giugno 2013. Nel suo reportage, Stella riesce a trasmettere gli avvenimenti storici che hanno maggiormente segnato l’Armenia e gli armeni, raccontando di luoghi e dettagli che danno un’immagine vivida e vera del Paese. Interessanti sono anche gli agganci all’attualità turca e in particolare alla reazione del governo alle proteste antigovernative di queste settimane in diverse città turche, che conducono a un certo pessimismo sulla possibilità di migliorare i rapporti tra Armenia e Turchia.

Gérard Depardieu diventa il volto di Armavia Airlines

200px-Gérard_Depardieu_Cannes_2010Il vettore armeno ha ingaggiato l’attore come testimonial per la nuova campagna pubblicitaria internazionale; appare nello spot seduto a bordo del nuovo Sukhoi Superjet 100.

L’utilizzo dell’immagine di Depardieu è un nuovo passo nel piano di espansione del vettore, che coinvolge anche il mercato italiano. Attualmente la compagnia opera collegamenti settimanali diretti da Malpensa, Roma e Venezia per Yerevan e, tramite un accordo con Alitalia, garantisce gli avvicinamenti da tutte le principali città italiane. Continua a leggere

Nuovo collegamento Roma-Yerevan di Alitalia

Importanti novità da Rimini, dove l’Armenia ha partecipato a TTG Incontri 2012, la più importante fiera italiana B2B per il settore turistico. Tra le novità, l’annuncio di Alitalia che inizierà ad operare un nuovo collegamento diretto Roma-Yerevan due volte la settimana (martedì e venerdì) a partire dall’11 dicembre 2012. Riconfermati a partire da fine marzo 2012 i voli diretti settimanali di Armavia, la compagnia armena, con partenza da Roma, Milano e Venezia. L’abolizione del visto di ingresso in Armenia a partire dal 1° gennaio 2013 per i Paesi Schengen e i nuovi collegamenti diretti, in aggiunta a quelli che fanno scalo in città europee come Vienna, Praga, Parigi, rappresentano un’importante spinta all’incremento degli arrivi dall’Italia.

Leggi l’articolo completo

Scene di vita e paesaggi d’Armenia

Pastore a Karahunge (foto Nadia Pasqual)

Cinque brevi reportage realizzati da Stefano de Franceschi sono ora disponibili sul sito del magazine Mondointasca.org. Cinque video emozionanti e coinvolgenti che mostrano scene di vita e paesaggi d’Armenia. Da non perdere per chi non c’è ancora stato e per chi vuole ravvivare la memoria del suo viaggio in Armenia.

La prima pista ciclabile di Yerevan

Il 10 ottobre 2012 è stata inaugurata la prima pista ciclabile di Yerevan su iniziativa della NGO Kanachastan (Paese verde) e del Comune di Yerevan. La pista ciclabile si estende dal caffè “Aragast” presso il Parco Oghakadzev (Circolare) al parco vicino al monumento del Generale Andranik.

Da un sondaggio condotto l’estate scorsa è emerso che il 90% dei cittadini di Yerevan vorrebbe avere delle piste ciclabili nella capitale, mentre al 40% piacerebbe andare in bicicletta.

Leggi l’articolo su Public Radio of Armenia